GIANCARLO OLIVARES e STEFANO VIETTI

Dragonero

Scheda libro

Titolo: Dragonero
Autore: Stefano Vietti
Editore: Mondadori (2016)

Ombre spettrali si sono risvegliate nel cuore delle montagne sopra il villaggio di Thule. E nel fondo di un'oscurità inviolabile un essere dilaniato dall'odio sta per risalire in superficie: Caen il Reietto. Solo una misteriosa creatura potrebbe impedire che il destino fatale dell'Impero si compia. Per trovarla due uomini si mettono in viaggio attraverso le insidiose terre di Erondar: il mago Alben e Ian, il guerriero dal sangue di Drago conosciuto come Dragonero.

Scheda fumetto

Titolo: Dragonero
Creatori: Stefano Vietti, Luca Enoch
Editore: Sergio Bonelli Editore (2013)

Dragonero è una serie a fumetti di genere fantasy pubblicata dalla Sergio Bonelli Editore. Il progetto nasce nel 1995 con uno scambio di idee "fantasy" tra Enoch e Vietti durante un pranzo alla fiera di Lucca Comics. I due autori continuano a condividere le loro idee negli anni fino a concretizzarle in quello che divenne il primo romanzo a fumetti della Sergio Bonelli Editore, dal titolo, appunto "Dragonero", realizzato graficamente da Giuseppe Matteoni e pubblicato da S.B.E. nel 2007. Il successo di vendite e il corposo dossier del progetto, che ormai era arrivato a rappresentare un vero e proprio "mondo fantasy", hanno convinto Sergio Bonelli ad approvare la realizzazione e pubblicazione della serie regolare mensile, esordita in edicola nel 2013.

Dragonero racconta le avventure di Ian Aranill, Scout dell'Impero Erondariano ed erede della nobile e antica casata dei Varliedarto, ovvero dei "Cacciatori di Draghi".

Ex-militare, compie un servizio di intelligence per l'autorità imperiale che lo contatta quando ha bisogno dei suoi servigi. Suoi compagni sono l'orco Gmor Burpen, suo amico d'infanzia, e l'elfa silvana Sera di Frondascura, maestra botanica e discendente dell'unico clan elfico che ha deciso di non abbandonare le terre degli uomini. Occasionalmente ai tre si aggiungono anche la sorella di Ian, Myrva Aranille, membro dell'Ordine dei tecnocrati, e Alben il Luresindo, ovvero un mago "Custode della Luce".

Loro cinque più una sesta compagna, una monaca guerriera di nome Ecuba, apparentemente perita durante nella fase finale della missione, sono gli artefici del rinnovo del "Grande Divieto", il sigillo che tiene lontana la dimensione infernale degli Abomini dal mondo umano.

Per sapere di più su Dragonero, la sua compagnia, i suoi nemici e il suo mondo, puoi leggere qui: http://www.sergiobonelli.it/sezioni/1010/il-mio-nome-e-dragonero

GIANCARLO OLIVARES e STEFANO VIETTI

Nathan Never

Scheda fumetto

Titolo: Nathan Never
Creatori: Michele Medda, Antonio Serra e Bepi Vigna
Editore: Sergio Bonelli Editore (1991)

Nathan Never è stato il primo fumetto della Bonelli di genere fantascientifico. Ideato da Michele Medda, Antonio Serra e Bepi Vigna, ha esordito in edicola nel 1991 con un albo intitolato Agente Speciale Alfa che aveva, per tema, le tre leggi della robotica di Asimov.

Il personaggio di Nathan Never è ispirato a Rick Deckard, il protagonista del film Blade Runner, del quale il fumetto condivide, almeno in un primo tempo, la visione di futuro cinica e pessimista e il cupo scenario urbano. Personaggi ricorrenti della serie sono il genio dei computer polacco Sigmund Baginov e la prima agente Alfa, Legs Weaver, quest'ultima ispirata all'attrice Sigourney Weaver, protagonista della saga di Alien.

Nathan Never condivide lo stesso universo narrativo con altri personaggi bonelliani: Zagor, Mister No, Martin Mystère, Dylan Dog e, naturalmente, Legs Weaver.

Per scoprire di più sul personaggio di Nathan, sui suoi amici e nemici, e sul suo mondo puoi leggere qui: http://www.sergiobonelli.it/sezioni/388/il-mio-nome-e-nathan-never

Stefano Vietti (Chiari, 1965), sceneggiatore e scrittore, esordisce nel 1992 quando crea, insieme a un gruppo di sceneggiatori e disegnatori bresciani, la serie a fumetti Full Moon Project (Edizioni Eden). In seguito entra nello staff della Star Comics, lavorando fin dall’inizio a Lazarus Ledd e subito dopo a Hammer. Nel 1995 si unisce alla Sergio Bonelli Editore, collaborando a testate storiche come Nathan Never e Martin Mystère e a progetti nuovi come Legs Weaver, Zona X, Gregory Hunter, Greystorm, Jonathan Steele, Storie da Altrove e Universo Alfa. È del 2007 la creazione (insieme a Luca Enoch) di Dragonero, primo dei Romanzi a fumetti Bonelli, che diventa una serie regolare nel 2013. Nel frattempo collabora anche con Il Giornalino delle Edizioni San Paolo (dove lavora alle serie Yelo III, Teenage Mutant Ninja Turtles, Gray Logan, N.E.X.T. 02 e a una nuova serie italiana di Spieder-Man, l’Uomo Ragno, con la supervisione di Panini Comics e Marvel Italia) e con la Disney Italia (per cui relaizza alcune storie di Kylion). Insieme a Giancarlo Olivares e Marco Checchetto fonda il VOC Studio. Nel 2014 pubblica il suo primo romanzo, Dragonero - La maledizione di Thule (Mondadori).

Giancarlo Olivares (Brescia, 1967), disegnatore e illustratore, è stato allievo dell’illustratore argentino Rubén Sosa. Esordisce nel 1991, partecipando per le Edizioni Eden alla rivista a fumetti Profondo rosso e realizzando, insieme a un gruppo di disegnatori e sceneggiatori bresciani, la serie a fumetti Full Moon Project. L’anno successivo realizza alcune storie per Intrepido (Casa Editrice Universo) e si unisce allo staff della Star Comics, per cui realizza disegni e copertine di Lazarus Ledd e Hammer. Nel 1996 entra a far parte di Sergio Bonelli Editore, lavorando a Nathan Never, dove esordisce con l’episodio Il mare della desolazione, scritto da Stefano Vietti. Insieme a Gigi Simeoni realizza il terzo Nathan Never Gigante. Sue sono le copertine della serie Jonathan Steele. Per lo stesso editore disegna anche Legs Weaver e Caravan. Nel 2014 inizia la collaborazione con la nuova serie Dragonero, scritta da Stefano Vietti e Luca Enoch. Nel frattempo collabora anche con Disney Italia (alla serie Kylion) e con Il Giornalino (per cui realizza una nuova serie di Spider-Man, l’Uomo Ragno, con la supervisione di Marvel Comics e Panini Comics). Insieme a Stefano Vietti e a Marco Checchetto fonda il VOC studio. È inoltre illustratore dei libri a fumetti L’Or des fous, su testi di Jean-François Di Giorgio (Soleil BD).

TOP